Bruno Contrada va risarcito

0
337

Strasburgo

Bruno Contrada, l’ex numero due del Sisde, non doveva essere condannato per concorso esterno in associazione mafiosa perché, all’epoca dei fatti (1979-1988), il reato non “era sufficientemente chiaro”. Lo ha stabilito la Corte Europea dei diritti umani. Lo Stato italiano deve risarcire l’uomo con 10 mila euro per danni morali. ”Ventitré anni di vita devastati non potrà restituirmeli nessuno. Così come i dieci anni trascorsi in carcere”, è stato il suo primo commento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here