Intervista Manila Nazzaro: “Una ragazza fortunata”, di nome e di fatto!

0
106

“LuckyGirl” è il nome del suo seguitissimo sito & blog ma anche il soprannome di Manila Nazzarro. L’ex Miss Italia, oggi conduttrice, attrice e modella, è veramente una ragazza fortunata. «Ho avuto alti e bassi nella salute e in famiglia però alla fine tutto è tornato a posto, anche meglio. La vita mi ha sempre premiata», confessa. Fortunata, ma non solo. In tutte le cose che fa ci mette tanta determinazione, passione e professionalità. Come dimostra tutti i fine settimana, dopo anni da inviata in giro per l’Italia, con l’ottima conduzione di “Mezzogiorno in famiglia” su Rai2.

 

Si racconta nel blog LuckyGirl (www.manilanazzaro.it), come è nata l’idea?

Insieme a un mio amico, Marco Scorza che si occupa di siti. Quando postavo le mie foto su Instagram le persone mi chiedevano perché un colore stava meglio con un altro o se il blu po’ andare con il nero per un matrimonio. C’era molta curiosità e allora ho deciso di rinnovare il mio sito internet e trasformarlo anche in un blog.

 

Il blog è come un terzo maschietto?

Si, è piccolino. Nato da pochissimo e lo facciamo crescere piano piano, con tanto amore. Mi diverte ed è già molto seguito. Le visualizzazioni nel fine settimana, in concomitanza con il programma in tv sono tantissime. Il futuro è il web. Sono i social, un ulteriore mezzo di lavoro soprattutto per chi fa televisione e moda.

 

Che cosa le domandano?

Sono inondata da messaggi privati dove mi chiedono di tutto, perché ho scelto una mise e i vari accostamenti. Adesso però ho voglia di raccontare tanto altro ancora: la mia vita di mamma e di donna normale, i miei bambini, le mie passioni o come mantenersi in forma. Le esperienze personali che magari possono essere utili anche ad altre persone.

 

Regala consigli di stile partendo da alcuni outfit che indossa. E’ da sempre appassionata di moda?

Si, assolutamente. Mi piace la moda ma quella che sta bene alla singola persona, non quella di tendenza. Mi incuriosiscono le sfilate ma soprattutto come un capo valorizzi al meglio una donna. Scelgo dei brand meno noti con prezzi più avvicinabili, il pronto moda, non il low cost che ha una qualità spesso pessima.

 

Nel  lavoro, ad un certo punto, ha avuto uno stop per un problema di salute alla tiroide molto serio e fortunatamente risolto. Poi è ripartita ancora più forte?

La mia malattia mi ha tenuta lontana dalla televisione per molto tempo. Avevo preso tanti chili e perso l’uso di una corda vocale. La mia voce non era la stessa, l’ho dovuta rieducare. Anche quando vedi tutto nero, se tu ci credi e sei ottimista, la vita ti aiuta in qualche modo e ti ripresenta delle grandi occasioni: come quella da inviata in “Mezzogiorno in famiglia”.

 

Da inviata a conduttrice del programma su Rai 2 “Mezzogiorno in Famiglia”. Significa che la costanza, la bravura e la determinazione alla fine vengono premiate?

Ma certo. La preparazione, la professionalità e la serietà fanno la differenza. A volte mi dicono che sono troppo precisa, quasi pignola, ma sono caratteristiche che dagli addetti ai lavori vengono notate e apprezzate.

 

E’ vero che avrebbe lasciato il programma nel caso in cui l’avessero confermata come inviata?

Si, per un motivo semplice: i miei due bambini che rimanevano con la baby sitter per 5 giorni a settimana. Non riuscivo più a seguire la famiglia e non potevo farlo a vita. Era diventato troppo pesante. Il lavoro da inviata è stata una grandissima scuola che mi ha formato, molto probabilmente, più di tutte le altre esperienze.

 

In studio, al fianco di Massimiliano Ossini, che compagno è?

E’ divertente, una persona simpatica e umana. E’ molto educato, dolce e di cuore. Oltre ad essere bellissimo e molto amato dal pubblico. Massimiliano non ha solo il viso da bravo ragazzo, lo è proprio.

 

Sposata con l’ex calciatore, oggi allenatore, Francesco Cozza, è mamma di due bimbi, Francesco Pio e Nicholas, saranno stati tutti contenti di averla finalmente a casa?

Non ci hanno creduto fino alla prima puntata, quando mi hanno visto in studio. Il più grande ha sofferto molto della distanza. Per due anni non ho mai potuto accompagnarlo ad una partita di calcio il sabato. Era un disastro.

 

Moglie, madre, conduttrice e personaggio social. Come riesce ad essere così multitasking?

Non lo sono (ride, ndr). Sono una mamma a 360 gradi. Non ho voluto tate e baby sitter se non quando ero fuori per lavoro. Ho i miei genitori lontani, in Puglia, eppure facendo comunque qualcosa che amo alla fine si riesce a trovare il tempo per fare tutto.

 

Una  carriera, che inizia con l’incoronazione a Miss Italia nel 1999, direttamente dalle mani di Alberto Sordi. Cosa le disse il grande attore?

Mi raccomando non fare come tutte che vogliono fare mille cose, tu ne devi fare una sola e farla bene. Solo se ti concentri in un ambito puoi diventare la numero uno. E’ stato un grande insegnamento il suo.

 

In Rai da 17 anni ricoprendo ogni tipo di ruolo. Pensa che se avesse avuto un “angelo custode” al suo interno la sua carriera sarebbe andata diciamo più velocemente?

Il fatto di avere degli aiuti interni alla Rai è molto relativo. Tutti quelli che fanno questo lavoro hanno degli estimatori, ed averne molto forti quando non c’è una sostanza sotto, serve a ben poco. Sono meteore. Il mio jolly è stata sempre la determinazione: io non ho mai mollato.

 

Se non avesse scelto lo spettacolo, cosa le sarebbe piaciuto fare come lavoro?

La dottoressa, quando ho vinto Miss Italia ero iscritta a Medicina e Chirurgia e avevo superato circa 40 esami. Ero al quinto anno, ma poi ho lasciato.

 

Si è mai pentita di non aver finito Medicina?

Un po’ mi è dispiaciuto. Ma la vita a un certo punto decide per te. Sono salita su un altro treno e oggi sono contenta della mia scelta.

 

E’ più serena rispetto a quando aveva venti anni?

No, quando diventi mamma la serenità la perdi completamente. I pensieri sono tutti rivolti a loro. Al loro futuro e al mondo in cui li lasci.

 

A ottobre compirà quaranta anni, ha paura di invecchiare?

Un po’ mi mettono ansia. I mie 30 anni li ho vissuti malissimo, poi gli altri no. Non so come saranno questi 40.

 

Ricorrerebbe eventualmente al bisturi?

Non sono contraria se fatto in modo naturale. Mi sono rifatta il seno a 25 anni perché avevo una seconda su un fisico come il mio e non mi sentivo a mio agio.

 

Come si mantiene così in forma?

La mia medicina è essere salutista al massimo. Non bevo alcool, non fumo e vado in palestra. Bevo due litri di tisana e acqua naturale. Mangio cibi biologici, tante verdure, niente frutta perché contiene troppi zuccheri. Poi, dopo l’operazione, non avendo la tiroide, sono soggetta ancora di più a repentine modifiche fisiche. Quindi devo sempre stare attenta alla mia alimentazione.

di Paola Medori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here