Martina Colombari parla di sé

0
406

A vederla cosi vestita da gran sera stretta in un bustier veramente sexy, non si direbbe che siano trascorsi ben 25 anni quando la bellissima Martina Colombari vinse il titolo di Miss Italia. A Pesaro , nelle Marche testimonial d’eccezione per lo stilista Anton Giulio Grande, la Colombari ha incantato tutti per grazia ed eleganza , ma sopratutto per quello charme che la contraddistingue .Quando si suol dire che una ha classe da vendere , va paragonata a Martina. Mamma di un figlio adolescente Achille avuto dal noto ex calciatore del Milan ,Billy Costacurta, ed interprete di tante fiction di successo ci ha svelato che per lei salire in passerella è sfilare è sempre un grande divertimento perché fare l’indossatrice è il suo primo amore a livello lavorativo e come si sa il primo amore non si scorda mai.

Martina , sei a Pesaro quindi molto vicina alla tua città natale Riccione per una sfilata, torni sempre volentieri nella riviera adriatica?
Si, certo io amo tantissimo queste località , poi a Pesaro vive anche la mia migliore amica nonché la mia testimone di nozze quindi è sempre bello ritrovare i posti della propria spensieratezza…

Bene , parliamo subito di nozze e matrimonio.Il tuo è un esempio d’amore, tu e Billy, siete insieme senza uno screzio da anni.Quale è il vostro segreto di un unione cosi salda?
Che non ci siano o vi siano stati screzi , lo dici tu ( e parte una fragorosa risata…) perché la quotidianità porta i problemi e non pochi, pero insieme si superano le difficoltà . Io la vedo cosi noi siamo due binari che viaggiano si paralleli, ma poi si devono sempre unire.

Una lunga storia d’amore la vostra…
Si ,iniziata nel 1996 , che dura da ben venti anni e ci amiamo come il primo giorno , io ad esempio anche se ho molti impegni cerco di prendere un aereo e raggiungere mio marito anche solo per poco quando lui è via per lavoro .Pochi giorni fa ad esempio lui ha seguito gli Europei di calcio ed io sono stata con piacere a Parigi con lui.

A Parigi , che romantico, quindi una fuga d’amore.Pensi mai ad un secondo figlio?
Certo che si , anzi ci stiamo provando , ma per il momento purtroppo non arriva.

Sei la mamma attenta di Achille che è quasi un adolescente.Che ragazzino è?
Sono una mamma un po’ preoccupata, sono in apprensione vedendo che i giovani di oggi hanno spesso difficoltà a rapportarsi con una vita semplice , mi fanno paura tutte quelle derivazioni da internet come i social network , sto molto attenta a quello che fa Achille lo seguo anche se lui per ora non è un ragazzino che si lascia condizionare da certe situazioni.

Tuo figlio è fortunato è nato in una famiglia priva di problemi economici , ma so che tu spesso aiuti invece dei piccoli bimbi haitiani con la fondazione Rava , perché lo fai?
Perché è bello fare qualcosa per chi non ha nulla, sono felice e soddisfatta perché siamo riusciti ultimamente in una situazione non facile a fare molto.

Cosa è cambiato ad Haiti dopo il terremoto?
Tantissimo vi sono scontri continui e gli haitiani non sono più cosi ben disposti a volte verso gli operati esteri e le onlus. Siamo riusciti a a portare avanti un progetto legato ad un interscambio di chirurghi pediatrici , medici dall’Italia verso Haiti e viceversa. Ci tengo a dire che con il nostro ospedale costruito con i fondi italiani nascono circa venti bimbi al mese e questo è un grande successo.

Sei elegantissima con un abito del maestro del haute couture Anton Giulio Grande , uno stilista che produce in Italia ancora a livello sartoriale , ma spesso i grandi nomi cedono alle offerte allettanti di grandi gruppi stranieri e quindi la nostra moda ne ha risentito .Cosa ne pensi?
Devo dire che io adoro il Made in Italy , questi abiti di Anton Giulio Grande sono molto belli , certamente la qualità di un capo rifinito a mano è indiscutibile , solo che a volte capisco che in questi periodi crisi con stipendi che ti permettono solo di comprare il necessario la gente non possa più scegliere la vera qualità.Questo si mi fa dispiacere .

Ti abbiamo vista spesso in tv in ruoli più disparati, quale è quello che più ti ha emozionata ?
Tanti , tutti diversi e belli , ma ricordo ancora la difficoltà di un musical legato a Grease dove dovevo ballare , cantare , recitare non facile tutto in una volta , ma il personaggio che più mi è entrato nel cuore è stato quello di Maddalena Fabbri titolare della bottega di restauro ,con Lando Buzzanca nella fortunata fiction Il Restauratore .Lui Lando , mi ha insegnato moltissimo per me è stata una esperienza molto importante peccato che poi questa fiction non abbia avuto un seguito dopo la seconda stagione.

Tornerai con il tuo charme in tv?
Ho appena partecipato a due provini per due ruoli al femminile molto nelle mie corde , uno per una fiction ed un altro per il cinema speriamo in bene!

Grazia Pitorri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here