Nel lavoro è inarrestabile ma l’amore è un disastro…

Da Amici a Violetta: la nuova vita di Pasquale Di Nuzzo

0
380

Ha solo 23 anni e una carriera lanciatissima, Pasquale Di Nuzzo, ex ballerino della dodicesima edizione di “Amici di Maria de Filippi” è passato in poco tempo dal talent show al cinema, scelto nel cast del film di Violetta, targato Disney. Il ragazzo casertano è inarrestabile, merito della fede e della determinazione, ma anche dei suoi genitori che gli hanno insegnato a «rimanere sempre con i piedi per terra ed essere umile».

Da “Amici” al debutto al cinema con “Tini – La nuova vita di Violetta”, accanto all’idolo delle teenager Violetta, come è andata?

Ad oggi  è stata l’esperienza migliore che io abbia vissuto. Mi ha dato tanto a livello professionale e in termini di nuove amicizie. Recitare con i ragazzi è stato fantastico. Nessuno di loro aveva la puzza sotto il naso. Era come stare in una grande famiglia. Ho dovuto imparare lo spagnolo che non conoscevo ed è stato il primo ostacolo, ma tutti loro mi hanno aiutato.

Può raccontarci il suo provino?

Sono stato chiamato direttamente dal regista per un provino a Cinecittà. Ha visto diversi ragazzi e ha chiesto a tutti di fare un’improvvisazione. E alla fine sono stato scelto io. Poi dopo tre giorni è arrivato anche l’ok dalla Disney. Nonostante avessi anche firmato il contratto non ci credevo, e non ci ho creduto fino a quando non sono arrivato sul set. E’ un progetto così importante e internazionale, ero incredulo.

Nel film è lo spavaldo e ricco Stefano che ottiene tutto facilmente, senza sacrifici. Quanto, invece, ha dovuto faticare per andare avanti?

Io sono il suo opposto. Per me le cose si conquistano con il sudore. Se vuoi raggiungere un obiettivo devi lavorare e sacrificarti.  Ho iniziato a studiare danza a 5 anni. A 17 anni sono andato a vivere a Reggio Emilia da solo, e lavoravo per pagarmi l’affitto, anche se i miei genitori mi hanno sempre aiutato. Non esistono vie di mezzo o regali. La strada è ancora lunga e non si smette mai di studiare. Ma questo non mi pesa, perché è quello che amo fare.

Come è stato lavorare con Martina Stoessel?

E’ una ragazza adorabile e con dei forti valori. Ha una luce unica, ed è una bravissima artista. E’ diventata una delle mie migliori amiche, praticamente ci sentiamo tutti i giorni.

Cosa ha fatto quando è stato preso per la prima cosa importante?

Quando sono entrato ad “Amici”, dopo la grande gioia iniziale mi sono chiesto:  “E ora come vado avanti?” Perché non ero “raccomandato”. All’interno della scuola vengono premiati solo l’impegno e il sacrificio. Poi ho pensato alla mia famiglia e a quanto sarebbe stata contenta nel vedermi li.

Il suo futuro è la recitazione?

Continuo sempre a studiare danza e anche se recitare  mi sta piacendo molto, ma non voglio fare solo quello. Magari un giorno inizierò anche a cantare. Amo tutta l’arte. Nessuna disciplina prevale sull’altra. Ognuna racconta le emozioni in maniera diversa

Ha ballato anche con la popstar Madonna. Puoi raccontarci come è andata?

Ho danzato con lei in un contest della sua palestra Hard Candy a Toronto, in Canada. Abbiamo montato 14 coreografie e messo su uno show in due giorni, ed io ero in prima fila a ballare con lei.

Ha fatto cose particolari o “strane”?

Nella vita si, ma non quel giorno. E’ stata molto professionale. Ha un fisico mozzafiato. È una stacanovista, molto intelligente. E’ riuscita a rimanere sulla cresta dell’onda per oltre trent’anni. Ho realizzato di aver ballato con Madonna solo quando sono tornato in Italia, e non quando ero al suo fianco.

Riesce a sentire ancora Maria De Filippi?

Non è facile rimanere in contatto con Maria, perché è sempre impegnatissima per lavoro. Lei si informa sempre su quello che accade fuori, agli ex alunni. Ha saputo del film ed è stata molto contenta. Mi auguro un giorno di tornare a trovarla ad Amici, ne sono sicuro.

I suoi genitori che cosa dicono?

Devo tutto a loro che mi hanno cresciuto con valori sani. Sono adorabili, hanno un amore incondizionato verso me e mia sorella. Sono eccezionali e orgogliosi del mio lavoro. Mi consigliano di rimanere sempre con i piedi per terra ed essere umile.

Che tipo di ragazzo è?

Sono molto centrato, legato alla famiglia e agli amici di sempre. Non sono una persona che si disperde in situazioni strane o si deconcentra. Due sono le cose che mi accompagnano tutta la vita: la fede e la determinazione.

Come trascorre il tempo libero?

In questo periodo sono sempre in giro per promuovere il film. Per staccare vado spesso a Capri, da un mio amico. Poi mi aiuta molto pregare, mi regala pace e serenità.

In questo momento il suo cuore è impegnato?

Magari, purtroppo no! Dicono che quando va molto bene il lavoro, l’amore è un disastro. Ora sono single, ed è anche vero che ho poco tempo visto che sono molto concentrato sulla carriera.

In attesa.

So bene quello che voglio e sono sicuro che quando arriverà l’amore saprò subito riconoscerlo.

Come dovrebbe essere la sua ragazza ideale?

Non ho un prototipo estetico e caratteriale definito. Ma quello che mi colpisce di una ragazza è l’educazione e il rispetto nel rapporto.

Ha un look sempre molto curato, merito suo o la segue qualcuno?

E’ una mia passione. Mi segue un parrucchiere che è anche il mio padrino, ma per i vestiti ci penso io. Mi piace molto spaziare, scegliere e osservare i nuovi trend.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here