Tosca D’Aquino: “Di fronte a un tradimento, sparisco completamente”

La vendetta non paga

0
481

L’attrice comica napoletana torna al cinema, diretta dall’amico di sempre Vincenzo Salemme, nella divertente e romantica commedia “Se mi lasci non vale” dove interpreta Federica, architetto in carriera che sembra interessata solo al potere e al denaro.

“La vendetta non paga, quando sento storie di amiche che raccontano di auto distrutte, abiti strappati, mi sembrano follie”. Parole di Tosca D’Aquino, donna esplosiva nella vita, che al cinema è l’oggetto di una tremenda vendetta amorosa da parte del suo ex. Lei, come il personaggio che interpreta, in amore preferisce l’uomo che ha voglia di arrivare, dotato di una grande personalità che riesce ad essere con la sua donna anche tenero, “coccoloso” e le regali dei fiori. Un uomo così Tosca sembra proprio averlo già trovato e sposato, dopo averla conquistata con una lunga lettera d’amore.

 

Cosa ne pensa di questo Salemme più romantico?

Conosco Vincenzo da tanti anni e abbiamo lavorato insieme parecchie volte. In questo film l’ho trovato bravissimo, c’è stata una maturazione e una crescita anche dal punto di vista della regia: dalla costruzione dei personaggi al romanticismo, sempre però con una verve molto ironica. Perché in tutte le situazioni è sempre divertente cercare il lato comico della faccenda, anche se si soffre per amore.

 

Cosa ha pensato del suo personaggio la prima volta che ha letto la sceneggiatura?

Ho apprezzato la possibilità di interpretare un ruolo diverso rispetto a quelli che faccio di solito. Una donna di potere, realizzata sul lavoro e come purtroppo spesso succede, se sei una donna vincente, soddisfatta professionalmente, spesso hai problemi in amore. Oggi la sfida al femminile è riuscire a coniugare la famiglia, il lavoro, l’amore. Tutto è molto complicato.

 

Alla fine troverà l’amore?

Il mio personaggio purtroppo non ci riesce. E’ una donna abituata al comando e sa perfettamente quello che vuole nella vita. Nel film alla fine non troverà l’amore, ma l’amicizia. Ed è proprio vero che “chi trova un amico trova un tesoro”.

 

Una donna dura all’inizio che poi si rivela più sensibile

La mia Federica non è poi così attenta ai soldi e attaccata al potere e afferma un concetto che condivido: ‘Ma perché mi devono piacere gli uomini miserabili, che non hanno voglia di arrivare nella vita?’. Quale donna si innamora di un uomo che non la coccola, che non la protegge, non la porta da nessuna parte o le regala i fiori? A noi fa piacere avere un uomo con una grande personalità, però nello stesso tempo abbiamo bisogno che sia anche tenero. Perché non ci dovrebbero piacere una bella macchina con l’autista e un bel ristorante? Certo, senza esagerare.

 

A volte noi donne mostriamo i lati peggiori

Effettivamente ci sono degli incontri che proprio non funzionano, dove noi donne diamo il peggio di noi stesse. Poi basta cambiare partner, trovare quello giusto che può non rispecchiare perfettamente il tuo ideale, per far emergere il lato più bello. E questa è la meraviglia dell’amore.

 

Si è mai vendicata o ha subito una vendetta amorosa?

Non mi è mai capitato di vendicarmi perché non ho mai avuto la sventura di trovarmi in una situazione troppo drammatica. Sono sempre contraria alle vendette. La persona lasciata si sente sempre vittima di un’ingiustizia, come suggerisce il titolo del film, ma i due personaggi maschili di “Se mi lasci non vale” in fondo meritano di essere lasciati. Secondo me la vendetta non paga, quando sento storie di amiche che raccontano di auto distrutte e abiti strappati mi sembrano follie.

 

Di fronte ad un tradimento in che modo reagirebbe Tosca?

Io sparirei completamente. Lui non mi vedrebbe più. Secondo me è l’atteggiamento più saggio e dignitoso.

di Paola Medori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here