Alberto Angela, il cervello ti fa sexy

0
9

Fino a qualche anno fa Alberto Angela era solo il figlio di Piero, famosissimo conduttore di trasmissioni scientifiche. Adesso però i ruoli si sono invertiti e Angela Jr, viaggiatore per professione, ha sovrastato il famoso papà diventando a sua volta l’idolo del pubblico appassionato. Ma c’è di più: Alberto ha girato il mondo per realizzare i suoi programmi conquistando lo charme e l’attrattiva dell’Indiana Jones nostrano. E incredibilmente la scienza è diventata sexy e parlare di bellezze naturali ha cominciato ad avere lo stesso effetto del più potente afrodisiaco. Insomma, senza rendersene conto, Alberto Angela è diventato il nuovo sex symbol del momento: il conduttore strega il popolo femminile con il fascino della cultura. E c’è addirittura chi lo ha definito “la più alta incarnazione post-moderna dell’ideale tutto greco di bellezza fisica e morale”.

Il cervello ti fa sexy
Il giornalista e divulgatore scientifico non è il tipico macho tutto muscoli che stuzzica l’ormone: lui è cervello, è conoscenza, è intuito. E poi è un signore. Lungi dal trash che affolla la televisione attuale, Angela ha fatto del garbo e della seriosità un suo punto di forza e queste qualità sono molto apprezzate dal pubblico femminile. Tanto che su Twitter spopola l’hashtag  #albertoangelasposami e su Facebook esiste un fan club al “Chuck Norris della cultura”, com’è stato ribattezzato, che conta migliaia di iscritte, le Angelers, che si sono addirittura date un codice: “Non postare insulti. Alberto è un Signore, ispiriamoci a lui”. Ma che il figlio di Piero sia così acclamato dalle donne non è certo un mistero. E’ stato persino paragonato al sogno erotico Christian Grey, con il celebre meme che lo vede protagonista che recita: “Io divulgo forte”, citazione rivisitata ad hoc del film 50 sfumature di grigio. Il cervello è sexy, certo, ma anche l’occhio vuole la sua parte. E il conduttore di Meraviglie ha tutte le carte in regola anche su questo piano: occhi azzurri, fisico asciutto e ricci ribelli. Ma nemmeno di fronte a tanta attenzione Angela Jr scalfisce per un attimo il suo appeal serio e composto: “Sorrido e continuo a lavorare” dice, non scomponendosi nemmeno un po’. “Non sono per niente vanitoso – ha spiegato il conduttore -. Il mio carburante televisivo è sempre stato il background scientifico e la voglia di fare da ponte tra il mondo della ricerca e la gente comune. Si dice che la scienza non è finita finché non è divulgata. È così: se non la si divulga che senso ha?”.

Una donna fortunata
E se Angela Jr non cede facilmente alle attenzioni femminili, un motivo c’è: il conduttore è felicemente sposato! Nonostante ne parli a fatica, legato com’è alla difesa della sua privacy, Alberto nel 1993 è convolato a nozze con Monica dalla quale ha avuto tre figli: Riccardo, Edoardo e Alessandro. Un amore che dura da oltre ventisei anni, il loro, ma del quale si sa poco o nulla. Avvolti nel mistero, i due preferiscono restare lontani dalle luci della ribalta e bisognerebbe scomodare i servizi segreti per scoprire come la coppia si è innamorata o come vive la propria quotidianità. Qualcosa, però, siamo riusciti a scoprire: chi li conosce sostiene che i due sono molto affiatati, nonostante i continui viaggi del giornalista. Ad unirli, non solo l’amore immenso che i ha portati a costruire una famiglia, ma anche la passione per il nuoto. E un rito mattutino insieme alla prole: “Il caffè in compagnia della mia famiglia: quattro chiacchiere, qualche barzelletta con i figli e la giornata può cominciare”, ha detto il famoso divulgatore scientifico.

Non lo manda papà
Insomma, Alberto è tutto casa e lavoro e questa dedizione l’ha portato ad essere uno dei volti di punta della Rai. Ma che non si dica che è raccomandato: da ormai parecchio tempo l’allievo ha superato il maestro e il figlio del papà di Superquark si è ritagliato un posto tutto suo in tv, senza mai fare affidamento sul famoso cognome che lo precedeva. “Sono sempre andato avanti per la mia strada, i gradi si prendono sul campo e poi è la gente a giudicare. Ho dato il massimo con umiltà cercando di farmi perdonare il cognome che porto” ha dichiarato qualche tempo fa. E il pubblico il suo giudizio lo ha emesso, tanto che qualcuno l’ha paragonato persino a Maria de Filippi per gli ottimi risultati in fatto di share. Anche stavolta, però, Angela è rimasto umile: “Per carità… siamo molto indietro. Però è bello che la tv pubblica riesca a divulgare in modo efficace. Emerge un lavoro di gruppo fatto con tante persone di qualità”. Un modo per spiegare l’incredibile successo, però, l’ha trovato: “Credo che il pubblico ci segua per come diciamo le cose: è un insieme di esperienze, capacità e istinti. E poi tutti i nostri programmi sono basati sulla curiosità: ci poniamo le stesse domande che si pone la gente, senza usare termini troppo ampollosi. È una danza dove si è sempre in due: la tv e il pubblico” spiega, conquistando l’ennesimo punto a suo favore: di primedonne in tv ce e sono anche troppo mentre il fascino di chi ci fa impazzire senza neanche accorgersene è davvero impagabile.

L’amicizia con Marcorè
Ricapitolando: Alberto Angela ci piace perla sua immensa cultura, per la sua parlantina sciolta, per il suo fascino e per il fatto che è un sex symbol e neppure se ne rende conto. Ma c’è anche un altro punto a suo favore: l’ironia, che è sempre un asso nella manica. Molti, infatti, ricorderanno l’imitazione che ne faceva anni fa Neri Marcorè all’Ottavo Nano, una parodia che ha fatto nascere tra i due una grande amicizia. “Per Quark andavamo sui siti con l’operatore, per non annoiare mentre racconti le storie, devi per forza muoverti. Non potevo restare fermo, così ho cominciato a camminare gesticolando ed è nata la famosa imitazione di Neri Marcorè che era molto divertente, abbiamo fatto anche servizi in coppia” ha ricordato il giornalista. Insomma, alla faccia di chi si offende, Angela ci ha saputo ridere su come solo in pochi sanno fare.

(EVA SALUTE)

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.