Parlare ed insegnare spetta al maestro. Tacere ed ascoltare, si addice al discepolo”, spiegava, anzi consigliava San Benedetto, e Alessio (giovane uomo di 40 anni) nella sua vita precedente altro non fece che ascoltare i suoi maestri anzi la sua comunità. Ebbene sì, oggi Alessio per tutti è un normalissimo commesso che lavora per vivere, finito il lavoro si incontra con gli amici (questo prima del covid). Ama la musica, ama sorridere, divertirsi, ama essere libero e spensierato. Ma appena quattro anni fa, Alessio era Fra Ludovico”.

Ma facciamo un passo indietro.

Quattro anni fa, Alessio vestiva i panni di Fra Ludovico in un monastero di clausura. Monastero che lo accolse a soli 23 anni. E venti furono gli anni che Alessio passò fra le mura del monastero dove le sue giornate erano scandite da preghiera e lavoro. Ma non fu tutta rose e fiori la vita monastica. Alessio ne uscì fuori dopo vent’anni, per violenze psicologiche subite dalla stessa comunità che lo aveva accolto. Ad oggi il desiderio di Alessio è raccontare tutto ciò che gli è successo, nonostante avesse scelto e amasse la vita che lui stesso aveva desiderato sin da giovane. Una vita che oramai (a causa di terzi), non gli apparteneva più.

Alessio, quando si pensa alla vita monastica e ai monasteri, la mente rimanda al film di Marcellino pane e vino”, dove si vedono i frati (anche se in povertà), cantare, amare, pregare.

(Sorride) hai ragione, però non è così. Ti dico che le comunità dovrebbero essere così, ma non lo sono. La vita qui sulla terra preannuncia la vita che ci aspetta li vicino a Dio e quindi dovremmo cercare di essere più buoni possibili. Ma il più delle volte, non lo siamo. Quindi chiunque voglia entrare in seminario gli dico di non avere fretta. E mi prendo la mia responsabilità quando vi dico che i seminari minori andrebbero chiusi.

Perché andrebbero chiusi?

Perché non fanno altro che creare disagio all’interno delle comunità e della Chiesa stessa. Un seminarista minore è ancora minorenne e quindi ha bisogno di fare esperienza. Quando si entra in seminario da minori, si diventa uomini in seminario e cosi vengono a mancare le esperienze formative della vita. Facendo ciò ci ritroviamo nei seminari maggiori sacerdoti che non dovrebbero essere li e che sarebbe stato meglio che non fossero mai stati ordinati. E’ giusto che il prete viva Cristo e segua il Cristo povero, casto ed obbidiente, ma se ti rendi conto che quella non è più la tua vita abbi il coraggio e la coscienza di andar via. Lascia tutto e vai via, anche se avrai tanta gente che ti giudicherà e che non capirà. Ma a te non deve interessare, perché la verità la sai e la saprai sempre e solo tu.

Perché chi resta preferisce soffrire, piuttosto che andar via? Ecosì difficile uscirne?

Non è difficile uscirne. La Chiesa è così misericordiosa che sta vicino a chi si sente in difficoltà. Molti lo vedono come un lavoro, ogni mese i preti ricevono un loro stipendio. E questo lo devi scrivere, perché sia chiaro. I religiosi, al contrario, non hanno stipendio, ed io non avevo stipendio. Vivono il voto di povertà assoluta, i preti ricevendo uno stipendio sono più “comodi”, è più facile scegliere la loro vita. A questo punto posso anche pensare che tante vocazioni non siano autentiche proprio per questo motivo. Ne conosco diverse.

Hai raccontato di aver subito maltrattamenti a livello psicologico. Ecco quando venivi punito cosa pensavi di te stesso? Ti sentivi sbagliato?

Umanamente pensavo: “Ma cosa ho fatto di sbagliato da essere percosso così”?. Guardando però il mio rapporto con Dio mi dicevo che dovevo migliorare e volevo migliorare, con l’aiuto di Dio. Sappi che la nostra vita è già scritta, ed io sono convinto che Dio aveva un progetto divino per me. E quindi non doveva proseguire così il mio cammino, io non dovevo andare via e averlo fatto (perché costretto da una vita che mi ha fatto tanto male), per me ad oggi è come vivere un lutto.

Ora che sei Alessio e non più Fra Ludovico, come la vedi la tua vita passata?

A distanza di tempo ti dico che se ora vivessi lì avrei reagito (a tante brutte storie) in modo completamente diverso. Avrei cercato comunque di andare oltre e farmi scivolare addosso le offese e le umiliazioni ricevute.

SE TUTTE QUESTE COSE CHE OSSERVERAI, IO DA PARTE DI DIO TI PROMETTO LA VITA ETERNA

Credimi, sono parole che ancora rimbombano nella mia mente. Avevo affidato a quella comunità la mia vita e ci credevo. Tutto quello che sono oggi lo devo solo a me stesso. Quando sono tornato a casa ho cercato conforto e aiuto anche dai vescovi per poter recuperare il mio percorso ma purtroppo non ho mai ricevuto l’accoglienza che avrei sperato.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.