Il “ComuniCattivo” Igor Righetti testimonial della campagna Enpa 2016 per le adozioni dei “trovatelli”

Il giornalista, autore e conduttore radiotelevisivo svela il grande amore per gli animali del suo illustre zio Alberto Sordi: “Albertone ha avuto 18 cani, riposano tutti nel giardino della villa che tanta felicità aveva loro dato. Su ogni sepoltura piantava delle rose a memoria di quelli che lui definiva amici veri e compagni fedeli”

0
287

Lui è il celebre “ComuniCattivo” della Rai, il graffiante e seguitissimo programma cult radiotelevisivo che ha ideato nel 2003 e condotto tutti i giorni fino a poco tempo fa. Stiamo parlando di Igor Righetti, giornalista professionista, autore e conduttore radiotelevisivo, docente universitario di Comunicazione, saggista e attore di cinema con Pupi Avati e in numerose fiction Rai e Mediaset. Igor Righetti, sagace e mai scontato, ha ereditato il talento artistico dal suo illustre zio Alberto Sordi (la madre dell’attore romano si chiamava Maria Righetti, ndr). Fu proprio l’Albertone nazionale a svelargli i segreti del linguaggio radiofonico.

Righetti, da sempre impegnato a difendere i diritti degli animali e a denunciare nei suoi programmi radiotelevisivi soprusi e maltrattamenti compiuti contro di essi, è il testimonial della campagna 2016 promossa dall’Ente nazionale protezione animali (Enpa) per incentivare le adozioni degli animali senza famiglia. Lo spot è stato realizzato per le radio, le tv e il web da Michele Gualano e Andrea Falconi.

Igor è anche il copywriter dello spot nel quale ha voluto svelare il grande amore per gli animali dell’indimenticato attore. «Mio zio – racconta Igor Righetti con il suo immancabile bassotto Byron – amava gli animali tanto quanto gli esseri umani. Alberto ha avuto 18 cani, riposano tutti nel giardino che tanta felicità aveva loro dato; su ogni sepoltura, piantava delle rose a memoria di quelli che lui definiva amici veri e compagni fedeli. Albertone diffidava di tutti coloro che maltrattano gli animali perché, diceva, che non avrebbero esitato a fare lo stesso verso i propri simili». Lo slogan dello spot, sempre creato da Righetti, è di grande efficacia: “Aiutiamo gli animali che nella loro vita hanno incontrato solo bastardi a trovare un umano di razza!”.

[L’articolo completo su EVA3000 n°41 in edicola]

di Grigore Scutari

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO