Ambiziosa e determinata, Serena Rigacci è consapevole che per raggiungere gli obiettivi serva tanto impegno e non solo il talento. Serena sa affrontare con determinazione le sfide che si presentano e sa esattamente, dove vuole andare. E’ uscito in Ottobre, Overseas in duetto con Alkaline feat Famous Dex, a introdurre un progetto internazionale che prevede una serie di uscite discografiche, a cadenza periodica, nelle quali la vedremo impegnata con i grandi della musica Trap e Urban internazionale. Serena ha esordito a soli otto anni  su Rai 1 a Ti Lascio una canzone con Antonella Clerici e poi Punto su di te condotto da Elisa Isoardi e Claudio Lippi. Da lì ha partecipato a moltissime trasmissioni televisive Rai e Mediaset, per poi sbarcare in Europa arrivando seconda a X-Factor Ungheria. Negli ultimi due anni è stata protagonista, insieme a Fiordaliso, nel Musical La Sirenetta, nel ruolo di Ariel. Oggi frequenta l’ultimo anno del Liceo Linguistico, studia chitarra, pianoforte e ballo. Oggi si racconta per noi rivolgendosi anche ai suoi coetanei, esortandoli a essere responsabili in quest’anno così complicato e imprevisto.

Il 2020 sta finendo e tutti, chi più chi meno, non vediamo ora di voltare pagina. Quali sono i tuoi desideri per l’anno nuovo?
Spero sia per tutti un anno migliore, per tutti e in particolar modo per le persone più fragili. Per quanto mi riguarda, mi auguro di portare avanti i miei progetti, che hanno subito un rallentamento, ma che non ho mai abbandonato.  Quest’anno, infatti, ho continuato a lavorare, nonostante tutto. Ho tanti obiettivi che con tutte le forze, intendo raggiungere. Amo quello che faccio e so, dove voglio andare, sostenuta da mia mamma, dal mio produttore e da chi mi segue da anni: non bisogna mai smettere di sognare se si vuole realizzare i propri sogni!

Che cosa ti lascerà questo 2020 così difficile?
Ho capito il valore del tempo, più di qualunque altra cosa e di come sia prezioso. Non mi è mai pesato stare in casa, perché avendo cominciato molto presto a fare questo mestiere, sono abituata a non avere tempo libero. Ho realizzato come, anche le cose che davo per scontate, siano preziose. Aspetto con ansia di tornare a cantare dal vivo, incontrare i miei fans e ricambiare l’affetto che mi dimostrano anche in questo anno così difficile.

Come trascorrerai queste festività, che si prospettano così diverse?
Non mi aspetto niente e non faccio programmi. Di solito lo trascorriamo in famiglia con i parenti, questo sarà probabilmente con i miei genitori, ma se questo distanziamento servirà a restituire a tutti noi la possibilità di tornare a fare una vita normale, ben venga. Oggi grazie alla tecnologia, ci si può vedere anche se lontani e ormai con un telefonino si possono condividere i momenti più belli, per cui accontentiamoci aspettando tempi migliori e confidando in un 2021 più sereno. 

Frequenti l’ultimo anno del liceo linguistico e come tanti studenti, in questo momento, sei consapevole di come, anche a scuola, tutto sia cambiato. Che cosa vuoi dire ai tuoi coetanei?
Vorrei chiedere a tutti di mantenere la calma, rispettando le regole senza farsi prendere dall’ansia. E’ importante che ognuno di noi faccia la sua parte, perché solo così potremo uscirne. Siamo giovani e possiamo adattarci, imparare uno stile di vita che ci consenta di ridurre il diffondersi del virus. Certo è difficile, non stare insieme, abbracciarci… ma non è impossibile. Possiamo dimostrare di essere in gamba e fare la differenza. Ognuno di noi ha un compito importante e non ci si può tirare indietro e contribuire a tenere al sicuro i nonni, che sono più vulnerabili e preziosi.

Serena, qualche giorno fa hai cantato dal vivo a Italia con Voi, su Rai Italia con, al piano, il maestro Palatresi. Dopo tanto tempo che effetto ti ha fatto?
E’ stato bello, come tornare a casa. Cantare dal vivo mi ha emozionato tantissimo. Tra l’altro ho cantato un pezzo di Giorgia che non interpretavo più da tempo e mi ha fatto davvero molto piacere. Essere magistralmente accompagnata  da un musicista come Palatresi, un vero onore. Nonostante in questo momento stia lavorando su un genere di musica molto diversa, ho interpretato moltissime cover nelle fasi di XFactor Ungheria e anche nelle trasmissioni televisive. Mi piace sperimentare e non metto mai limiti alla mia voglia di mettermi in gioco, così come cambio facilmente il colore dei miei capelli.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.