Intervista ad Alberto Mezzetti

0
29

La prima notte dopo la vittoria l’ha passata senza dormire. Sdraiato sul suo letto, ha ascoltato a ripetizione Nessun dorma (all’alba vincerò) interpretata da Luciano Pavarotti gustando il sapore della sua vittoria. Lui del resto l’aveva detto: “Entro nella Casa di Grande Fratello 15 e vinco!”. E così è stato. Alberto Mezzetti, il Tarzan di Viterbo, racconta a Eva il suo viaggio all’interno del padre dei reality e conferma: “Barbara D’Urso mi piace davvero: spero che accetti il mio invito a cena!”.

Alberto, com’è aver vinto Grande Fratello?
Sono contentissimo e soddisfatto, ma travolto da tante nuove sensazioni.

Cosa farai con il montepremi di centomila euro?
Risanerò alcuni problemi finanziari che mi sono stati arrecati da cattive amministrazioni familiari. È stata quasi una sorpresa per me, ma l’ho presa con grande responsabilità. Mi sono ripromesso, già da tre anni, di risanare tutto per tenermi il mio patrimonio. Accelererò i tempi di rientro con questo montepremi.

In quale momento ti sei reso conto che avresti potuto vincere?
Sin da subito. Ho visto che nella Casa c’erano dei caratteri mascherati da un bisogno di apparenza. Io sono abituato a stare bene con poco, il resto è tutto in più. Anzi può nuocere e confondere. La bellezza della vita sta quasi nell’accontentarsi. Questo all’inizio non l’ho riscontrato nei miei coinquilini. Poi dopo li ho conosciuti meglio e li ho ascoltati.

All’inizio non andavi molto d’accordo con loro.
Sì lo so. Sono entrato e gli ho detto: “Siete tutti falsi”.

Quali emozioni hai vissuto dentro quella Casa?
La più bella è stata l’ingresso di mia madre: la realtà è diventata un sogno. L’emozione più brutta è stata invece quando abbiamo vissuto delle tensioni per via di comportamenti innaturali adottati da tutti. Un momento di cattiveria che non apparteneva a nessuno.

Sei stato uno dei pochi che ha protetto Aida Nizar dagli attacchi del gruppo, eppure poi il vostro rapporto si è rovinato e Aida ha finito per dirti che sei un falso. Perché?
Sì perché l’ho messa a nudo. Le ho detto che lei non conosce l’umiltà, che parla come un disco fisso: dice sempre le stesse cose. Non può parlare di religione chi adora solo il bello e allontana il brutto: il negativo lo devi cambiare in positivo. Aveva un atteggiamento sbagliato. Si definisce la paladina della felicità, ma era aggressiva. Io ho lottato una settimana per integrarla, poi ho capito come era e sono stato il primo a stigmatizzare determinati atteggiamenti. Io spero che abbia recitato un ruolo. Ma la sua espressione facciale mi fa credere che lei sia proprio così.

Ha colpito molto la tua frase: “Se tratto male una donna, mia madre non mi fa tornare a casa”. Cosa ti ha insegnato tua madre sulle donne?
Io sono cresciuto con mia madre e mia sorella e ho compreso la forza delle donne. Da subito ho capito che la donna soffre da prima, rispetto agli uomini. Anche da un punto di vista fisico. Loro capiscono prima, crescono prima e sono più intense.

Hai detto che il tuo tallone d’Achille sono le donne, eppure dentro la Casa non hai conquistato nessuna, come mai?
Non ero attratto da nessuna.

Forse avevi la testa da un’altra parte? Hai parlato di una donna che abita lontana da te e che ami da 4 anni: chi è?
Con lei ho capito cos’è l’amore. È stato un colpo di fulmine: ci siamo conosciuti a Formentera in vacanza. Lei abita nel nord Italia e io devo prima risolvere i miei problemi finanziari. Poi vediamo cosa succederà. Non l’ho sentita ancora, ma sapeva che avrei fatto questa esperienza.

Certo, hai fatto un po’ il simpatico con Barbara D’Urso, magari si sarà ingelosita!
È bellissima Barbara, sinceramente mi piace molto. La forma fisica, l’intensità degli occhi, il portamento, la determinazione, il coraggio, la sensibilità. Spero che accetti il mio invito a cena: l’ho invitata in diretta. Certo, se mi dicesse di sì, suderei tutta la sera per l’emozione. Mi porterei un interprete e farei parlare lui.

Silvia Santori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.