Royal Wedding: la verità di Thomas Markle

0
108

A distanza di un mese dal Royal Wedding in cui tutti i riflettori sono stati puntati sulla figlia Meghan, Thomas Markle ha deciso di rompere il silezio e parlare per la prima volta in un’intervista televisiva nella quale ha raccontato la sua verità, rivelando anche alcuni dettagli esclusivi sulla sua chiacchieratissima assenza.

Pubblicità

Quando ho detto a Meghan che non avrei potuto esserci si è messa a piangere” ha spiegato commosso il suocero di Harry d’Inghilterra, ricordando i problemi cardiaci che lo hanno costretto al ricovero in ospedale per un intervento al cuore proprio nei giorni del matrimonio reale di sua figlia.

Markle ha poi smentito i rumor secondo cui sia stato Buckingham Palace a impedire all’uomo di partecipare all’evento, reo di aver venduto alcune foto paparazzate non autorizzate. Ma il papà di mgehan chiarisce: “Non mi sono fatto fotografare per soldi, ma per riscattare la mia immagine – ha confessato. -All’inizio i paparazzi sono stati molto aggressivi e mi hanno scattato solo foto imbarazzanti, per esempio mentre acquistavo birra con uno sguardo poco lucido. Così con il servizio in posa speravo di riguadagnare punti. Era un modo per migliorare la mia immagine, ma è andato tutto male” ha affermato con un velo di amarezza.

Markle Senior, comunque, ha guardato il matrimonio di sua figlia in tv e non nasconde di aver provato un pizzico di gelosia nei confronti del consuocero che ha accompagnato Meghan nell’ultimo tratto della navata per ‘consegnarla’ a Harry: “Ero commosso avrei solo voluto che fosse stata la mia mano a tenere la sua. Sono stato onorato, non posso pensare a un sostituto migliore del principe Carlo, ma ho provato lo stesso un po’ di gelosia“. Thomas Markle ha anche rivelato come ha risposto al Principe Harry quando gli ha chiesto la mano della figlia: “Sei un gentiluomo – gli ha detto –  promettimi che non alzerai mai le mani contro mia figlia e naturalmente ti concederò il mio permesso“.

Di Sonia Russo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.